E ho pensato che sì, sono in mezzo a noi. Sdoganiamo comportamenti dei nostri amici, vicini, parenti, manco fossero noccioline, quisquilie. Siamo immersi nello schifo ogni giorno e nemmeno ce ne accorgiamo. Ammicchiamo, diamo pacche sulle spalle, ridiamo di gusto. Se cominciamo a criticare e condannare certi comportamenti lascivi (che poi sfociano in violenza vera e propria) veniamo pure accusate di essere bacchettone, esagerate, rigide. Fatto sta, che ancora, in Italia come in Francia, le leggi non tutelano le donne, di nessun ordine e grado. Allora che arma ci resta? La disapprovazione sociale, questa è l’unica cosa da fare, intanto che i benpensanti attuino delle sanzioni. Indicare, screditare, isolare! Facciamo sì che nella nostra cerchia di amici, le persone siano scelte per i valori che ci somigliano, che ci appartengono e a cui apparteniamo. Solo questo! Isoliamo e condanniamo il resto, quelli che trovano la violenza (di qualsiasi genere) un fatto normale e normato.

viaConosco mille violentatori.

Annunci